Menu
A+ A A-

Olivier Poussier recensione

L’isola di Pantelleria, situata a sud della Sicilia, di fronte a Capo Bon, Tunisia, produce vini secondo la vera tradizione dei passiti mediterranei.

Un vino liquoroso, di grande classe.

Il clima arido e un suolo vulcanico assolutamente infertile, sono il contesto in cui l’uvaggio di Zibibbo, varietà del Moscato di Alessandria, acquisisce il proprio titolo nobiliare sin dall’antichità. Ciò che apprezzo è innanzitutto la straordinaria complessità aromatica del Moscato Passito di Pantelleria e la sua capacità di svelare una bocca concentrata e soave senza mai cedere all’eccessiva dolcezza. Questo concetto di equilibrio tra zucchero, acidità ed alcol, di fondamentale importanza nell’armonia dei vini liquorosi, è uno dei grandi atout che il passito di Pantelleria offre.

Carole Bouquet firma nel 2007 una cuvée precisa e delicata che segna una svolta nella produzione dei vini della tenuta. Note candite di bergamotto, radice di china e albicocca secca, donano una bocca limpida, soave e leggera. Il perfetto connubio fra la dolcezza e la piacevole e prolungata bocca gli regalano un’incredibile persistenza.

Olivier POUSSIER,
Sommelier della Maison Le Nôtre
Miglior Sommelier del Mondo nel 2000

Qui, impieghiamo i cookies per semplificare il tuo uso di questo sito.